Food

La Pasqua e i dolci tipici in Molise

La Pigna pasquale e la sua ricetta

Manca poco a Pasqua e in Molise si preparano già gli squisiti dolci tipici. Alcuni sono più noti di altri, come il Fiadone ad esempio. Ma oggi vorremmo parlare di una vera e propria delizia. Avete mai assaggiato la pigna pasquale? A forma di ciambellone o a forma di panettone, la pigna pasquale è uno dei simboli della Pasqua nel nostro Molise, dove, a seconda delle zone, viene chiamata Piccellat, Mpigna, Mbigna. Noi abbiamo sperimentato la ricetta di questo dolce tipico ed la condividiamo con voi.

La ricetta

La sera prima occorre preparare il lievitino, da far riposare per tutta la notte, utilizzando:
12 gr. di lievito di birra fresco
140 gr. di acqua
200 gr. di farina 00

Il mattino successivo potete preparare l’ impasto aggiungendo al lievitino preparato la sera precedente, i seguenti ingredienti:
240 gr. di uova
210 gr. di zucchero semolato
50 gr. di liquore all’anice
100 gr. di burro morbido
la scorza grattugiata di un limone
1 pizzico di sale
600 gr. di farina tipo 2 macinata a pietra

L’impasto che otterrete risulterà piuttosto morbido e appiccicoso. Ponetelo in una ciotola e copritelo, lasciatelo lievitare per 4-5 ore. Trascorso questo tempo, potete trasferire l’impasto in un classico stampo di carta (quelli per il panettone) del diametro di 24 cm e lasciatelo lievitare fino a quando non sarà raddoppiato di volume e avrà riempito lo stampo di carta. In questo modo otterrete la classica forma della pigna pasquale.

Oppure, potete realizzare delle pigne monoporzione sezionando l’impasto in piccole porzioni (120 gr.), inserendolo in piccoli stampi di carta e lasciando lievitare fino al raddoppiamento del volume. Con queste dosi otterrete circa 10-12 piccole pigne.

Che abbiate realizzato una pigna pasquale grande oppure piccole monoporzioni, cuocete in forno statico a 160° per 50 minuti. La pigna pasquale tende a scurirsi subito in cottura, quindi, se vedete che si scurisce eccessivamente, potete coprirla con un foglio di carta forno per evitare che la superficie bruci.

Una volta sfornata la pigna pasquale, lasciatela intiepidire per pochi minuti e copritela il prima possibile con il “naspro”, una glassa semplice preparata a freddo con lo sbattitore elettrico utilizzando:
100 gr. di zucchero a velo
1 bianco d’uovo
qualche goccia di succo di limone

Coprite la pigna pasquale con il naspro e gli zuccherini colorati, lasciatela raffreddare completamente e… buona Pasqua!

Tags
Mostra altro

Articoli Correlati

Back to top button
Close