BusinessTurismo

Il turismo lento nell’Italia dei borghi

La nuova frontiera del turismo

Pochi sanno che la legge italiana prevede, tutela e promuove un tipo di turismo ecosostenibile e di nicchia: il cosiddetto “turismo lento”. Esso è inquadrato nell’articolo 6 della legge 158 del 2017, ovvero la legge a tutela delle piccole comunità montane e del relativo sistema economico fondato sull’artigianato e le attività agricole e pastorizie locali. Cosa si intende per turismo lento?

Il turismo lento

Il turismo lento è quello che va di pari passo con lo stile di vita che va a visitare. Ovvero dal passo lento, dal ritmo di vita pacato, all’insegna di itinerari smart, green e slow che possano risvegliare il turismo nazionale e richiamare al contempo turisti da tutto il mondo. L’obiettivo è quello di permettere ad un numero sempre crescente di visitatori di raggiungere, scoprire e valorizzare i territori italiani meno conosciuti dal turismo internazionale e proporre esperienze di viaggio innovative, da vivere in chiave sostenibile, con passione, lentezza e coesione. Secondo l’UNCEM (Unione Nazionale Comuni e Comunità Enti Montani) il 2019 sarà proprio l’anno boom per un turismo di questo tipo. Le persone sono sempre di più alla ricerca di green, natura, slow food e artigianato.

Nel concreto

Secondo questa nuova tendenza dunque, le protagoniste della rivoluzione turistica che spetta al 2019 saranno le aree montane e interne. Tra le proposte di viaggio, si va dai percorsi antichi delle tratte dei treni storici delle Fs Italiane riattivate ad hoc per un totale di 600 chilometri, che nel biennio 2016-2017 hanno attirato 130.000 turisti (+45% rispetto al biennio precedente), agli itinerari culturali, i cammini, le ciclovie e i viaggi a cavallo, alla scoperta delle località montane, scelte dagli studenti per i viaggi di istruzione o da chi vuole godersi momenti di relax, e di tutti quei borghi ricchi di monumenti, patrimoni storico-culturali, percorsi segnati e quant’altro. Tutto in un’ottica di lentezza e sostenibilità e a portata di tutti.

Il Molise

Ecco quindi che il Molise, ça va sans dire, si propone come destinazione perfetta per un turismo lento ed ecosostenibile. Per sua natura, infatti, la regione è fondata su piccole comunità che vivono delle proprie risorse territoriali, al di fuori di tutte le logiche macro-industriali. Il Molise è, per definizione, la patria di uno stile di vita lento, legato alla natura e ad i suoi cicli, visceralmente legato alle tradizioni. In questo senso, la meta perfetta.

Tags
Mostra altro

Articoli Correlati

Back to top button
Close